lunedì, Settembre 27, 2021
20.9 C
Formia
21 C
Comune di Gaeta
19.9 C
Itri
21.2 C
Comune di Minturno
21.1 C
Spigno Saturnia
Giomar

AREA ARCHEOLOGICA DI CAPOSELE DI FORMIA

Cultura

Lorenza Iannelli, vincitrice del concorso “Un Poster per la Pace”

La studentessa dell’Istituto Comprensivo Pasquale Mattej di Formia Lorenza Iannelli, vincitrice del concorso “Un Poster per la Pace", è stata ricevuta nel pomeriggio...

Parco Riviera di Ulisse: liberati uno Sparviere e una Civetta

Oggi 25 novembre 2020, due esemplari di Gheppio, uno Sparviere e una Civetta stanno riacquistando la libertà dopo le opportune cure ricevute presso il...

Festival “La Zampogna” on-line

Eccoci arrivati alla XXVII edizione de La Zampogna – Festival di Musica e Cultura Tradizionale che quest’anno si presenta in una forma completamente diversa,...

Minturno: Istituito il Monumento Naturale Monte d’Argento

  Istituito il Monumento Naturale Monte d’Argento   Anche Monte d’Argento, nel comune di Minturno, entra a far parte delle aree naturali gestite dal Parco regionale Riviera...

Porticciolo Caposele e Complesso Archeologico con ambienti del 1′ sec. d. C. del porto Caposele a Formia.

La zona prende il nome dalla villa limitrofa dei principi Caposele e quindi della famiglia Rubino.

Tutta la proprietà, comprensiva del porto naturale e dell’area archeologica restaurata recentemente , apparteneva all’unica erede di Carlo Ligny principe di Caposele che l’aveva ricevuta in eredità, verso la fine del 1700, dall’ultimo Duca della famiglia Marzano discendente diretto e unico erede ,a sua volta, di tutti i beni appartenuti alle famiglie Laudato-Marzano .
L’appartenenza dell’intera area a queste due nobili famiglie di Castellone sembra risalire, con sicurezza , almeno fino alla seconda metà del 1500. Nella Chiesa di S. Erasmo è conservata una lastra funeraria del 1698 riguardante queste due famiglie

Sul passaggio della proprietà nelle mani di Ferdinando II così scrive Salvatore Ciccone:
” ….la villa , espropriata alla figlia del principe, marchesa 0limpia de Mari, venne messa all’asta il maggio 1852 e acquistata da Ferdinando ll”

Tutte le opere murarie eseguite ad emulazione ” dell’ opus reticolato romano” , le strutture dei moli e della Garitta posta in un angolo con un’ottima posizione di controllo dei luoghi, furono molto probabilmente effettuate sotto la direzione dell’Arch. di fiducia del Re , Giacomo Guarinelli .

Quest’ultimo era architetto militare e Capitano del Genio nell’esercito borbonico di quel periodo.

Come descritto da Giuseppe Capolino nel 1886, la Garitta era guarnita di una ringhiera di cui sono visibili oggi solo le staffe di ancoraggio al ” ballatoio di pietra modenata”con ovvie funzioni di controllo esterno affidato al milite di turno a guardia della stessa Garitta.

➡️Continua a scoprire le bellezze di Formia, visita www.formiae.it
Foto di: Fausto Forcina Photography

Formiae.it è un progetto ideato e sviluppato da WebProgens Associazione Culturale con il patrocinio del Comune di Formia, la collaborazione del Delegato ai siti archeologici Raffaele Capolino e degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Liceo “Cicerone – Pollione”

Giomar

Ultimi articoli

I GRAFICI della PANDEMIA 21 settembre 2021

Nell’ultimo bollettino (17/09/2021) dell’Istituto Superiore di Sanità,così come nei precedenti, tra le numerose statistiche viene riportata anche quella relativa alla letalità del covid-19. Purtroppo...